Come salvare agli animali in via d’estinzione con il WWF

adottaspecie_natale.jpgSappiamo tutti che purtroppo molti animali rischiano l’estinzione, a causa dei cambiamenti climatici, del bracconaggio e della distruzione dei loro Habitat naturali.

Risale a pochi giorni fa l’inquietante comunicato dell’Unione internazionale per la salvaguardia della natura (IUCN), nel quale viene riportato che un quarto di mammiferi del mondo rischia di scomparire per sempre. Nel medesimo comunicato, viene specificato che è possibile proteggerli, attuando in tempo dei programmi di salvaguardia, come quelli che stanno riuscendo a proteggere cavalli, leoni ed altre specie.

Per chiudere nel migliore dei modi l’anno, il WWF dedica il Natale proprio agli animali che rischiano di scomparire. Come possiamo aiutarli?

Adottando una specie o regalando un’adozione, puoi aiutare gli elefanti, i delfini, i panda, i ghepardi, le tigri, gli oranghi e gli orsi. Grazie ai contributi raccolti, sosterrai il lavoro dei ricercatori ed esperti, che quotidianamente operano al fine di proteggere le specie in pericolo d’estinzione. Gli “Angeli degli animali”, equipaggiano le pattuglie antibracconaggio e finanziano una giornata di gestione e riabilitazione di un animale sottratto al commercio illegale da reintrodurre in natura.

Aderire al progetto adozioni, equivale a proteggere le 12 specie animali simbolo del pianeta, ma anche gli animali che ne condividono l’habitat, perchè ad esempio aiutando gli scimpanzè, aiuterai anche i gorilla oppure proteggendo l’orso polare, proteggerai anche le balene, i trichechi e le volpi artiche!

E’ proprio questo lo scopo di quest’ammirevole progetto. Inoltre ogni adozione, è premiata con bellissimi doni che serviranno a dirti grazie per aver contribuito alla salvaguardia degli animali a rischio estinzione e non.

adozioni.jpg

Tipoligie d’adozione

Adozione Semplice (donazione a partire da 30€): riceverai una lettera di Fulco Pratesi, una scheda sulle caratteristiche ed i rischi corsi dalla specie, un certificato, un grande planisfero con evidenziate le aree di azione del WWF e un adesivo da apporre sull’area tutelata.

Adozione con peluche (donazione a partire da 50€): include i materiali dell’adozione semplice ed un tenero peluche che rappresenta la specie scelta, realizzato con grande attenzione nei confronti dell’ambiente e dei bambini, in quanto privo di componenti tossici. La normativa vigente, prevede che quelli destinati a bimbi sotto i 3 anni, siano realizzati senza PVC; in quelli del WWF infatti, questa sostanza non è presente.

L’adozione Trio (donazione a partire da 125€): è dedicata ai quattro grandi habitat condivisi dalle specie: Trio Polare (orso polare, foca, pinguino), Trio Italiano (orso bruno, lupo e delfino), Trio Africano (ghepardo, elefante e scimpanzè), Trio Asiatico (tigre, orango e panda). Per ciascun trio si ricevono i tre peluche ed i rispettivi kit. Ciascuno di essi, comprende il planisfero ed i certificati possono essere personalizzati con nomi diversi.

Adozione Digitale: è possibile scegliere l’adozione digitale o “I WWF you” (donazione a partire da 30€), con il panda WWF circondato da un cuoricino, che consente di ricevere uno sfondo per il desktop del tuo pc, uno screensaver, ed una firma digitale direttamente via mail.

Le adozioni non vanno perdute: tutte quelle spedite vengono recapitate attraverso corriere sda, e l’ordinante riceve la lettera di vettura via mail per sapere sempre dove si trova “la propria tigre!”.

Insomma, cosa ne pensate sulle adozioni del WWF? Che tipo di adozione fareste?

Io ho scelto il trio italiano, specialmente per la presenza dei delfini. Ogni anno infatti, migliaia di questi straordinari animali restano impigliati nelle reti da pesca illegali. Un vero massacro che da molto tempo il WWF sta cercando di fermare, promuovendo metodi di pesca non nocivi nei confronti dell’ecosistema marino e curando gli esemplari feriti che giungono ai Centri di Recupero Animali Selvatici.

A Natale, adotta e fai adottare una specie!

Articolo Sponsorizzato

Viral video by ebuzzing

Come salvare agli animali in via d’estinzione con il WWFultima modifica: 2011-12-14T19:56:58+01:00da passionecalcio
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento